Quando parliamo di pannelli fonoassorbenti abbiamo la necessità di insonorizzare un ambiente da rumori che provengono da punti diversi. Possono provenire da stanze o edifici adiacenti, oppure possono provenire dall’ambiente esterno, ma a volte la causa del rumore puo’ essere interna al nostro ufficio o appartamento. Infatti spesso ad essere rumorosi possono essere anche alcuni elettrodomestici.

Tra quelli più rumorosi ci sono molto probabilmente i condizionatori, sia fissi che portatili; tuttavia, i primi hanno l’unità che emette rumore all’esterno dell’edificio e di solito non sono fastidiosi; discorso diverso è quello che riguarda i condizionatori portatili, che emettono rumore dall’unica unità che li costituisce.

Siti specializzati come www.ilcondizionatoreportatile.it hanno dedicato delle guide su come poter insonorizzare un condizionatore portatile, proponendo soluzioni molto interessanti, che possono implicare l’utilizzo dei pannelli fonoassorbenti. Per scegliere il migliore dedichiamo una nostra guida all’insonorizzazione dei condizionatori portatili.

Insonorizzare un condizionatore portatile: come fare

Il condizionatore portatile può essere spostato, ma ha la costante di dover rimanere all’interno della stanza in cui ci troviamo per fare il suo lavoro; per questo motivo l’unica soluzione di fatto percorribile è quella di insonorizzarlo evitando che le onde acustiche possano uscire all’esterno.

E’ possibile fare questa operazione con una struttura ad armadietto, che deve essere costruita (preferibilmente su misura) intorno al condizionatore, lasciando aperte solamente le parti di uscita del tubo, posteriore, e quella anteriore da cui esce l’aria fredda. Per il resto non dobbiamo preoccuparci di altro, nemmeno di coprire i tasti, perché praticamente tutti i portatili possono fare uso del telecomando.

Ma come costruire questo armadietto, e quali materiali utilizzare?

Prima di tutto, la base: il materiale facilmente reperibile che consigliamo di utilizzare è il legno, un materiale fonoisolante (che di per sé assorbe le onde acustiche); il consiglio è quello di utilizzare il legno compensato, più isolante rispetto agli altri a causa delle intercapedini che si vengono a creare tra le singole schegge di legno.

Il compensato deve comporre tutta la struttura ma in particolare le parti laterali, che sono quelle che emettono un rumore maggiore.

All’interno dell’armadietto, che volendo si può chiudere con le ante (per una questione per lo più estetica) è consigliato inserire il pannello fonoassorbente.

Tra i diversi che abbiamo recensito consigliamo quello proposto da PU Skun, che riteniamo sia il più adatto allo scopo, in particolare perché è flessibile; poiché la lunghezza del pannello è solamente di un metro, consigliamo di acquistarne almeno due così da poter coprire la faccia interna dell’armadietto in modo completo (nelle parti laterali e superiore).

Il pannello deve essere applicato alle pareti in compensato facendo uso dell’adesivo, e deve essere quanto più possibile vicino al condizionatore in tutte le sue parti, in modo da isolare al meglio possibile il suono in uscita dalla macchina. Questo perché oltre all’insonorizzazione del pannello, se riusciamo ad avere un contatto diretto tra pannello e condizionatore avremo anche un blocco meccanico dei movimenti dell’elettrodomestico, che assorbirà queste onde motorie attutendo così ancora di più i rumori emessi.

Per un isolamento migliore si possono usare anche pannelli fonoassorbenti alternativi, magari più spessi (uno spessore maggiore crea un assorbimento maggiore) e questo permetterebbe in teoria di sentire ancora meno rumore; tuttavia in uno spazio ristretto come una struttura ad armadietto si rischierebbe di non riuscire a inserire i pannelli fonoassorbenti, vanificando così non solo il lavoro ma anche l’acquisto dei pannelli stessi.

Ultimo appunto riguardo all’acquisto dei pannelli ignifughi: teoricamente sarebbero la soluzione migliore per un lavoro del genere, però la struttura dell’armadietto rimane per lo più aperta e, anche se i corti circuiti sono sempre possibili in un elettrodomestico, sono piuttosto rari in un caso del genere; inoltre bisogna considerare che un pannello ignifugo che si trova sotto a un legno (non ignifugo) non porta particolari vantaggi da questo punto di vista.

L’insonorizzazione fatta con una struttura del genere è utile per sentire meno rumore, ma ci sono anche altri consigli che si possono seguire: per esempio si può impostare la modalità silenziosa, e poi si può isolare il tubo alla finestra così da percepire ancora meno rumore.